Gruppo Età d'Oro 2019

Itinerario e dettagli tecnici

Giunti a Moggio, alla rotonda con interessante scultura in legno, si svolta a sinistra. Dopo 50 m si posteggia sulla sinistra di fronte al Municipio. Ci si incammina per una strada asfaltata per circa 100 m quindi si prende a sinistra il sentiero gippabile N°24, che in falso piano ci farà attraversare uno stupendo bosco di faggi e una zona d’interesse geologico notevole, poi giunti su un grande prato, nella sua parte alta a destra, si entra nel bosco, sempre seguendo il N° 24, fino a giungere al fontanino perenne. Si tiene la destra (a sinistra si va ai Piani di Bobbio), fino a giungere ad un vecchio rifugio abbandonato, posto ideale per riposino con spuntino, proseguendo tenendo la destra si giunge sui prati dei Piani d’Artavaggio, si prende la sinistra e in 10 minuti si giunge al rifugio Casari. Per chi ha energie ancora in serbo, può salire al rifugio Nicola oppure sul M.Sodadura. Pranzo al Sacco o in rifugio.

Dalla Chiesa di PELLA si percorre la strada per 20 metri e svoltando a sx si imbocca un acciottolato in salita per CENTONARA. Al bivio prendere la strada principale denominata Via per Artò, seguendo la segnaletica fino all’abitato di BOLETO. Si prosegue in salita, che si sviluppa a tornanti, fin dove si incontrano alcune cappelle. Siamo ormai prossimi al Santuario, situato su uno sperone roccioso di granito a strapiombo sul Lago d’Orta, proprio sopra l’incantevole isola di S.Giulio, dove si gode un panorama emozionante tanto che questo luogo è chiamato “Il balcone del Cusio”.  

“Il Santuario MADONNA DEL SASSO, è una costruzione barocca del secolo XVIII, a croce greca. Il suo interno è pregevolmente affrescato e dotato di tele del Peracino di Bosco Cellio, nonché di una “Deposizione” di Fermo Stella datata 1547. Pregevole è pure un Crocefisso in legno del secolo XVII.”

Dopo la visita si riparte, addentrandoci in un bosco lungo un percorso in discesa denominato “Sentiero degli Scalpellini”. Si susseguono alcuni tornanti protetti da staccionate arrivando su di una pista sterrata e poi verso la strada principale – frazione Briallo. Si continua fin ad un incrocio con l’indicazione per il bel complesso di SAN FILIBERTO. Ci si sofferma per una breve visita e superato il parcheggio, si prosegue per PELLA lungo un ultimo sentiero che ci condurrà in zona centrale verso l’imbarcadero per il pranzo.

  • Coordinatore di gita: Comi Roberta (cell 339.4538245)
  • Collaboratori: Bonfanti Paolo, Mandelli Mariagrazia
  • Luogo di ritrovo: parcheggio presso Sede CAI Via Indipendenza, 17 Calco
  • Mezzo di trasporto: pullman
  • Orario di partenza: ore 6.30 (Pagnano 6,35; Cernusco 6,40; Osnago 6,45)
  • Punto di partenza: Pella (m. 305)
  • Punto di arrivo: Pella (m. 305)
  • Lunghezza anello: 11 km circa (percorso misto asfalto e sentieri)
  • Dislivello: m. 370 
  • Ore di cammino: 3
  • Difficoltà: E
  • Fatica: mf
  • Abbigliamento: da escursionismo
  • Pranzo: al sacco (o ristorante)

I partecipanti si impegnano a rispettare gli orari e ogni disposizione data dal coordinatore di gita e dai suoi collaboratori, adeguandosi alle loro indicazioni.

SOCI CAI: 15 € / NON SOCI: 23 € / Anticipo 10 €

INFORMAZIONI: in sede, martedì e venerdì ore 21.00-23.00 – Tel. 039.9910791info@caicalco.it