Alpinismo Giovanile Corso BASE 2018

La prima parte dell’escursione si svolge lungo il percorso dei massi erratici: grandi rocce trasportate a valle dai ghiacciai in epoca quaternaria, a volte percorrendo anche più di 100km. Interessante la zona del Tajasass, una vecchia cava di serpentino attiva a fine ‘800. Il percorso alterna zone boschive e viste panoramiche sul lago. L’itinerario si svolge ai piedi del Monte Moregallo, un massiccio montuoso di cui fanno parte diverse altre cime famose: il Cornizzolo, i Corni di Canzo, il Corno Birone; queste cime costituiscono un’ampia bastionata che delimita il lato meridionale del Triangolo Lariano.

  • Data: 29 aprile
  • Ritrovo: alle ore 7:00 presso la Sede C.A.I.
  • Equipaggiamento: da escursionismo leggero
  • Pranzo: al sacco
  • Località: Prealpi lecchesi
  • Carta: Kompass n. 105
  • Rientro previsto: alle ore 18 circa

Descrizione dell’escursione

Dal parcheggio del cimitero di Valmadrera saliamo per il viale ciottolato fino a trovare il palo segnavia che indica il sentiero n. 5 per San Tomaso, proseguiamo in salita fino a raggiungere la chiesa e sempre seguendo il segnavia 5 saliamo alla fontana Sambrosera, unica fonte d’acqua lungo il percorso. Una volta raggiunta la piana della Forcellina, proseguiamo in leggera discesa fino alla chiesetta di Sant’Isidoro di Preguda e infine scendiamo a Parè, in riva al lago.