Alpinismo Giovanile Corso AVANZATO 2018

Il Monte Barro è stato dichiarato parco naturale nel 2002 ed è una dei più piccoli in Lombardia; grazie alla sua particolare conformazione, al suo interno sono presenti tracce del passato in importanti siti Storici, archeologici e naturalistici: l’isolamento che questa particolare punta a piramide, a 922 metri sul livello del mare, ha avuto durante le glaciazioni ha fatto sì che si sviluppassero specie endemiche che sono sopravvissute fino ad oggi; le sue sponde impervie sono state un efficace e naturale punto strategico per le popolazioni umane dell’antichità, che vi si stabilivano per essere in posizione elevata rispetto alla vallata paludosa e avere un ottimo punto di osservazione difensivo sulle importanti vie di transito sottostanti; in epoca gotica infatti il monte è divenuto una vera fortezza, circondato da mura e torri come un castello naturale.

  • Ritrovo: alle ore 7:30 presso la Sede C.A.I.
  • Equipaggiamento: da escursionismo leggero
  • Pranzo: al sacco
  • Località: Prealpi lecchesi
  • Carta: Monti di Brianza (ed. INGENIA)
  • Rientro previsto: alle ore 18 circa

Descrizione dell’escursione:

Da Galbiate si raggiunge via dell’Oliva che si presenta con una discreta salita, ben presto gli orti prendono il posto delle abitazioni e il sentiero 301 prende il posto della strada. Si procede fino alla località Ca’ Del Contrabbandiere ove inizia il sentiero delle Creste con segnavia N. 305 che risale in modo deciso la cresta meridionale del Monte Barro e, passando per i 3 corni si giunge alla Croce in vetta; si scende poi fino all’ Eremo per proseguire verso i Piani di Barra (il Parco Archeologico) e si torna a Galbiate.